Distinto è un duo di songwriting con influenze rock nato nel 2011 dall'unione di Daniele Ferrazzi, chitarrista, che vanta una lunga collaborazione con DJ JAD, e Daniela D'Angelo, cantante e musicista.
Nel 2013 realizza il suo primo album, “In Genere”, nel quale sono presenti i brani Mi Hai, vincitore del Festival Verso l'Altro, e Benda Rossa!, inserito nella Compilation Rock Contest 2013, scaricabile dal sito di XL Repubblica. 

La filosofia che sta alla base di “In Genere” ricorda il pensiero del divenire, del moto perpetuo: questo disco non vuole ambire alla perfezione né stilistica né sonora, piuttosto vuole trasmettere la continuazione dei pensieri che animano i due musicisti, nella loro mutevolezza e nella loro continua evoluzione.
Grazie a questa formula, Distinto riesce a portare le sonorità pop ad un livello visionario ed emotivo diretto ed avvolgente, raccontando frammenti di vita vissuta con disarmante bellezza e lucidità.

Nel 2014 distinto rientra in studio per registrare il nuovo Ep Le Stanze dove, a differenza del primo disco, il sound è arricchito dalla presenza della sezione ritmica e dall'ingresso nel progetto di Paolo Perego.

Il 5 novembre esce questa ultima fatica. Registrato presso CasaMedusa, mixato e masterizzato da Paolo Perego presso CasaMedusa, “Le Stanze” vuole rappresentare un percorso nel tempo e nello spazio, con particolare attenzione a quello intimo e sognante del tempo che passa, segnato non solo da due punti, l'inizio e la fine, ma anche dalla strada piena di divagazioni e distrazioni che si possono incontrare.

L'Ep apre con Santa Caterina, dove all'intellettualismo e alla ricercatezza sfrenata della critica alla società tout court si contrappone l'ironia del non prendersi mai troppo sul serio. La seconda traccia, Meglio, brano dai toni malinconici, è giocata sul contrappunto di voce e chitarra, un dialogo interiore che sottintende una decisione già presa, ma rimandata, dalla quale si cerca sollievo rifugiandosi nel proprio immaginario.

Settembre vuole raccontare la vita che fluisce, che chiede di essere liberata dalla quotidianità invadente, a volte ostacolo alla visione della bellezza che ci circonda; Camminare, infine è un monito a non fermarsi, ad andare sempre avanti, cercando però di conservare la propria essenza delicata ed evanescente, a rischio di estinzione nell'incedere frenetico della Vita.